La fondazione ha un logo

Vista l’assenza di logo per la nostra Fondazione si è pensato di proporre un progetto in collaborazione con la Scuola Media “Federico Odorici” di Roè Volciano per poterlo realizzare.

Dopo aver  parlato del progetto al Dirigente Scolastico, dott.ssa Raggi Elena che si è subito dimostrata entusiasta e disponibile ad accogliere la nostra proposta, sono state individuate le classi protagoniste : 2° E e 2°F.

In seguito, come primo contatto, una nostra animatrice ha incontrato gli alunni delle classi per illustrare loro la realtà della RSA e dell’anziano non autosufficiente, in modo tale da fornire loro elementi sia utili alla realizzazione del disegno che ad una riflessione personale.

I ragazzi hanno così potuto iniziare a lavorare singolarmente sotto la guida del docente di arte e ciascuno di loro ha realizzato un disegno.

È poi stato chiesto di esplicitare per iscritto le motivazioni di tale disegno, uno sforzo che rimanda al senso e contenuto più profondo che “sta dietro” al disegno stesso.

Tutti i lavori sono poi stati raccolti e visionati dagli ospiti, operatori e volontari della RSA e ne sono stati selezionati  otto (su oltre una trentina di lavori).

I disegni selezionati sono stati valutati da una commissione istituita appositamente durante un incontro di festa avvenuto il 26 maggio presso la struttura.

I ragazzi, unitamente ai docenti  Bellini, Mattanza e Ballerini hanno raggiunto i  nonni in Casa di Riposo, hanno suonato alcuni brani e si sono intrattenuti in chiacchiere con gli ospiti.

Nel frattempo la Commissione, composta dal  sig. Arrighi Giancarlo (Presidente della Fondazione), dal sig. Bonetti Giovanni e Viani Renato (consiglieri della Fondazione), dalla Dott.ssa Zani Sonia (Responsabile Sanitario della Fondazione), dalla dott.ssa Katia Vezzola  (Sindaco di Roè Volciano), dalla dott.ssa Raggi Elena (Dirigente Scolastico) con segretario il dott. Dini Riccardo, psicologo che opera all’interno della Fondazione, si è riunita e ha decretato il disegno “vincitore” e prescelto il logo della Fondazione.

Al vincitore è stato assegnato un premio ed è stato dato un omaggio anche alle due classi che hanno partecipato.

Al disegno vincitore che è stato realizzato da Michele Musesti, lui stesso ha dato la seguente spiegazione:

Questo logo rappresenta l’arco di vita di una persona:  quando è bambino viene aiutato da un adulto, poi cresce e aiuta a sua volta altri adulti e, infine, viene aiutato da un bambino nella sua vecchiaia, quando è al tramonto.

 

13/06/2017 Federica Gozza Home No Comments

Share Your Thoughts

Main menu